Errore
  • Errore nel caricamento dei dati del feed

Percorso

NotizieCircolari e AvvisiConclusione percorso giustizia riparativa

Conclusione percorso giustizia riparativa

In questi giorni si è concluso il percorso di Giustizia Riparativa avviato nei confronti degli autori del triste atto di vandalismo avvenuto nel gennaio scorso. In quella occasione sono stati offesi e deturpati gli ambienti della sede Battisti, offese e deturpate le persone, tramite il danneggiamento, a volte irrecuperabile, di oggetti che contenevano parte della loro storia.

La Giustizia ha fatto il suo corso, sono stati individuati gli autori del gesto, quattro ragazzi giovanissimi, che nei mesi scorsi, insieme alle loro famiglie sotto l'egida del personale del Nucleo di prossimità del Corpo di Polizia Municipale, hanno portato avanti tutti i passi per assumersi la loro responsabilità ed hanno restituito alla collettività in maniera attiva ciò che avevano tolto per tramite del loro agire. Il percorso di Giustizia Riparativa ha permesso loro, non essendo imputabili per via della giovane età, di fare esperienza di servizio concreto, occupandosi chi della cura dell'ambiente, chi di affiancare nello studio, chi di accompagnare in attività educative i bambini più piccoli.

La scorsa settimana la comunità scolastica è stata chiamata a sua volta a ripensare, a conoscere i responsabili, a riceverne le scuse. Siamo stati tutti coinvolti nell'accoglienza, nell'ascolto di ciò che era stato, adulti e bambini: un momento di forte emozione e molto significativo per tutti noi. 

Sapere che le prime denunce sono partite dalle famiglie stesse dei colpevoli, colpite dalla durezza del gesto commesso dai loro figli.

Sapere che i ragazzi sono stati in grado di assumersi la loro responsabilità; ascoltare le scuse dalle loro parole, poter dialogare con loro e - come comunità educante - consentire loro di andare avanti ed essere migliori.

Avere uno spazio per essere arrabbiati e delusi, ancora, come è naturale che sia, ma ugualmente dare il segnale che il cambiamento è possibile, che un errore  - per quanto grave - non stigmatizza ed etichetta un ragazzino di 12 anni.

I bambini offesi hanno ricevuto, oltre alle scuse ed all'incontro, alcuni oggetti in restituzione, dalle mani stesse dei danneggiatori, acquistati con il loro denaro; le famiglie hanno versato alla scuola un risarcimento danni di 400 euro, che verrà utilizzato per ricomprare un computer.

Il mio personale ringraziamento va alle colleghe dirigenti che mi hanno preceduto nell'incarico in questa scuola, Maria Teresa Furci ed Elisabetta Oggero, che hanno favorito e sostenuto l'avvio del percorso, ai docenti che hanno messo in campo tutte le loro risorse personali oltre che professionali per far affrontare questo passaggio ai bambini, al Nucleo di Prossimità del Corpo di Polizia Municipale, nelle persone  di Anna Chiarle e Maria Coviello, per il grande lavoro educativo svolto, alle famiglie tutte (delle vittime e dei colpevoli) per aver messo a disposizione il loro essere adulti al fine di far nascere qualcosa di buono da un evento doloroso. 

Ci siamo detti, con i bambini ed i ragazzi, che si può e si deve essere protagonisti nel bello e non solo nell'errore, che fare del bene fa stare bene e che si soffre nel deturpare ed offendere. Il mio augurio a tutta la comunità educante che costituisce l'anima dell'Istituto è di riuscire ogni giorno a trasmettere valori e valore ai nostri ragazzi.

Lascio qui, per condividerne l'emozione, la lettera di scuse consegnata da uno dei ragazzi.

il dirigente scolastico

Elena Cappai

giustizia riparativa

 

 

 

Cerca nel sito

logo iscrizioniOnline

 pon-por-fesr

Portali scolastici

ministero istruzione

scuola-chiaro

sidi

indire

Pagina Facebook

Visita la nostra pagina
e clicca mi piace

fb icon 325x325

Accesso riservato



Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti. Per approfondimenti visualizza la nostra cookie policy

Nascondi questo messaggio
Cookie Policy